La nostra risposta alla crisi economica provocata dalla pandemia

Second Harvest espande rapidamente le operazioni poiché la necessità di cibo raddoppia

Second Harvest è considerato un fornitore di servizi essenziale durante la pandemia COVID-19 e deve rimanere pienamente operativo per garantire che tutti nella nostra comunità abbiano accesso a cibo nutriente. Ciò significa che il personale della banca alimentare e i volontari che supportano la risposta alla pandemia sono considerati essenziali.

Mentre la nostra comunità risponde alla crisi economica causata dalla pandemia, Second Harvest of Silicon Valley rimane impegnata nella nostra missione sapendo che i membri della nostra comunità più vulnerabili sono profondamente e sproporzionatamente colpiti da crisi pubbliche come questa.

Stiamo vivendo in un periodo senza precedenti che richiede un livello di risposta senza precedenti per supportare coloro che sono più colpiti dal COVID-19 e dalla recessione economica. I membri della nostra comunità che ne sono colpiti hanno bisogno del nostro aiuto come mai prima d'ora: la perdita del lavoro, la perdita di salario e l'esaurimento dei risparmi hanno spinto molte famiglie più in profondità nella povertà e hanno costretto altri a cercare assistenza alimentare per la prima volta.

Anche prima di COVID-19, Second Harvest stava rispondendo a un livello di insicurezza alimentare nella Silicon Valley che indicava che c'era già una crisi, fornendo generi alimentari a un numero record di clienti ogni mese (250.000+). Dopo la pandemia, il numero è raddoppiato raggiungendo in media 500.000 persone ogni mese.

La nostra risposta dai numeri

130+ drive thrus

Abbiamo lavorato duramente per aprire siti drive-thru di emergenza e per aiutare i nostri partner a convertire le distribuzioni.

5.500 consegne

Abbiamo lanciato un programma di consegna a domicilio che serve in media più di 5.500 famiglie ogni mese.

11 milioni + sterline

Ora stiamo distribuendo una media di oltre 11 milioni di sterline ogni mese.

2x spese

Le nostre spese sono raddoppiate dall'inizio della pandemia. A giugno abbiamo speso $3,5 milioni in più rispetto a febbraio.

2x budget alimentare

L'aumento della domanda ha fatto raddoppiare il nostro budget alimentare.

Come posso aiutare?

Donazioni

Se puoi aiutare, la donazione online avrà un impatto immediato!

Fare un regalo

Donazioni aziendali

Le aziende locali possono donare fondi per servire la nostra comunità nelle contee di Santa Clara e San Mateo.

Fai un regalo aziendale

Volontariato

Facciamo ancora affidamento su una forza lavoro volontaria che ci aiuti a preimballare e distribuire cibo alla comunità.

Iscriviti per un turno

Avvia una raccolta fondi

La registrazione per una raccolta di cibo virtuale costruisce la comunità e aumenta il supporto critico.

Iscriviti

Risorse addizionali

Risorse dei partner

Prendi del cibo

Domande frequenti

Per mantenere gli standard di distanza sociale e operare al massimo livello di efficienza, non accettiamo donazioni di cibo dalla comunità, comprese unità di cibo e tacchini. Reintrodurre il processo di accettazione, pesatura, smistamento, trasporto e inscatolamento di un mix di donazioni varie interromperebbe i nuovi processi creati per aiutare a servire il doppio della quantità di persone che avevano bisogno di cibo dall'inizio della pandemia. Puoi ancora aiutare a riempire questo virtuale barile con proteine, latticini e molto altro ancora.

Anche prima della pandemia, Second Harvest stava lavorando per collegare più persone al cibo, espandendo le nostre operazioni e sperimentando nuovi modi per raggiungere le famiglie con generi alimentari nutrienti. Abbiamo accelerato i nostri sforzi in tutte le aree per rispondere all'improvviso e drammatico aumento dei bisogni. La nostra risposta alla pandemia ci ha costretti a ridimensionare rapidamente le nostre operazioni, modificare le nostre distribuzioni e aprire nuove posizioni di emergenza. Grazie a questi sforzi, abbiamo:

  • Ha servito oltre 500.000 persone ogni mese, il doppio del numero di vicini che cercavano cibo rispetto a prima della crisi
  • Lancio di distribuzioni drive-thru focalizzate sulla sicurezza e low-touch con cibo preconfezionato
  • Consentire a familiari / amici di raccogliere cibo per conto di coloro che non possono partecipare a causa di un aumento dei fattori di rischio
  • Ha aumentato drasticamente il nostro programma di consegna a domicilio, che si concentra principalmente sul servizio agli anziani costretti a casa
  • Raddoppiata la quantità di prodotto che abbiamo acquistato con vari fornitori, consentendoci di mantenere un mix nutriente di alimenti di base e prodotti freschi nel mezzo delle interruzioni della catena di approvvigionamento nazionale
  • Contratti di locazione temporanei garantiti su nuovi magazzini, che supportano l'aumento del volume e della produzione di generi alimentari preconfezionati
  • Abbiamo ampliato la nostra flotta di trasporti in modo da poter effettuare consegne aggiuntive ogni giorno

Second Harvest si impegna a fornire cibo nutriente e gratuito a chiunque abbia bisogno, anche se non ha mai avuto bisogno dei nostri servizi prima o ne ha bisogno solo temporaneamente. Per scoprire dove si trova la distribuzione di generi alimentari più vicina, i nostri vicini possono:

Per visualizzare un elenco di fornitori di pasti preparati, clicca qui. Per un elenco delle scuole locali che forniscono pasti alla comunità, clicca qui.

Al momento non raccomandiamo che gli anziani (65+) o chiunque abbia una patologia cronica si offrano volontari. Se appartieni a uno di questi gruppi e vorresti comunque aiutare la banca del cibo durante questo periodo, puoi farlo donare online.

Precauzioni per la salute e la sicurezza

Stiamo seguendo le raccomandazioni dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) per aiutare a fermare la diffusione dei germi e abbiamo pubblicato le loro linee guida nelle aree pubbliche come promemoria per coloro che arrivano alla banca del cibo. Inoltre, abbiamo sempre fatto quanto segue per salvaguardare i volontari presso le nostre strutture:

  • Chiedi a chiunque non si senta bene, per favore annulla e unisciti a noi un'altra volta
  • Richiedere a tutti i volontari di lavarsi le mani e di utilizzare sempre i guanti forniti da Second Harvest, oltre alle coperture per il viso

Aumento dei processi di pulizia e sanificazione

I nostri magazzini vengono puliti e disinfettati quotidianamente come parte delle nostre normali pratiche commerciali. In risposta a questa crisi abbiamo aumentato la frequenza e l'entità di tali pulizie, che includono:

  • Mantenimento delle pratiche sicure a cui aderiamo come normale corso di operazioni 365 giorni all'anno.
  • Aumentare la frequenza di pulizia delle superfici ad alto tocco, inclusi contatori, ripiani del tavolo, maniglie delle porte, sanitari, servizi igienici, telefoni, tastiere, ecc.
  • Installazione di distributori di disinfettante per le mani in ciascuna delle nostre strutture in aree ad alto volume tra cui stanze per la pausa, sale conferenze e hall.
  • Pubblicazione di volantini informativi relativi alla riduzione / consapevolezza del rischio COVID-19 in ciascuna delle nostre strutture, anche nei bagni.

Alcuni dei modi in cui affrontiamo la sicurezza nelle nostre distribuzioni includono:

  • Tenere informati i nostri partner e volontari
  • Ricordando a tutti le regole di manipolazione degli alimenti sicure che seguiamo 365 giorni all'anno
  • Richiedere che i rivestimenti per il viso e i guanti siano indossati per tutte le attività
  • Fornitura di risorse informative dal CDC e dal dipartimento di sanità pubblica
  • Distribuzione dei poster "Stop the Spread of Germs" del CDC (in più lingue) a tutti i nostri partner e siti di distribuzione

Riduzione dei contatti

Abbiamo aumentato il personale di gestione dei volontari presso le nostre strutture per garantire che durante lo smistamento e la boxe tutti i partecipanti mantengano una distanza di sei piedi l'uno dall'altro. Abbiamo anche lavorato duramente per aprire distribuzioni drive-thru di emergenza e per aiutare i nostri partner a convertirsi a distribuzioni low-touch.

A partire dal 18 giugno 2020, il Dipartimento della sanità pubblica della California ha emesso un ordine secondo cui tutti devono indossare coperture per il viso in tutto lo stato quando lasciano le loro case. Per indicazioni ed eccezioni, scopri di più qui.

Cosa significa questo per il personale e i volontari?

Il personale ei volontari devono indossare sempre una copertura per il viso mentre lavorano o attraversano aree e spazi condivisi.

Cosa significa questo per i clienti?

I clienti sono tenuti a coprirsi il viso quando visitano servizi essenziali come dispense, distribuzione di generi alimentari o programmi di ristorazione.

La nostra missione rimane ancora quella di fornire cibo a chiunque ne abbia bisogno, quindi vogliamo evitare di allontanare chiunque dal procurarsi il cibo per mancanza di una copertura per il viso. Nel caso in cui un cliente non possa coprirsi la faccia, un volontario può portare loro il cibo se ha una macchina, o fornire una copertura per il viso da usare in linea, quando possibile.

Che cosa è considerato una copertura per il viso? 

Mentre maschere, sciarpe o bandane possono essere le più ideali, è possibile utilizzare qualsiasi panno che copre il naso, la bocca e l'area circostante di una persona; i rivestimenti per il viso che non vengono smaltiti dopo ogni utilizzo devono essere puliti frequentemente.

Puoi trovare informazioni che il CDC ha pubblicato sui rivestimenti in tessuto per il viso, incluso come crearne uno tuo, Qui.

Second Harvest fornirà maschere?

Forniremo maschere usa e getta per uso alimentare quando avremo forniture disponibili. Abbiamo un numero limitato di maschere per il personale e i volontari di Second Harvest e forniremo maschere monouso quando saranno disponibili. In assenza di Second Harvest, le maschere fornite, i volontari e i clienti devono fornire i propri rivestimenti per il viso.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), la Food and Drug Administration (FDA) e la Dipartimento della sanità pubblica della California (CDPH) al momento non sono a conoscenza di segnalazioni che suggeriscano che COVID-19 possa essere trasmesso da alimenti o imballaggi alimentari.