Clicca qui per leggere la nostra risposta a COVID-19.

Una visita al Campidoglio: conferenza nazionale sulla politica anti-fame del 2018

//, Legislazione//Una visita al Campidoglio: conferenza nazionale sulla politica anti-fame del 2018

Una visita al Campidoglio: conferenza nazionale sulla politica anti-fame del 2018

Post speciale sul blog A cura di: Zia MacWilliams, responsabile dei programmi federali per l'alimentazione dei bambini

A febbraio, Second Harvest ha supportato la partecipazione del mio team di impegno e politica della comunità (CEP) alla National Anti-Hunger Policy Conference, co-sponsorizzata da Feeding America e Food Research and Action Center, a Washington, DC. Mi sono sentito fortunato a partecipare ai tre conferenza di due giorni con due membri del mio team e il direttore esecutivo di Second Harvest, Leslie Bacho.

Non visitavo la DC da quasi dieci anni, quando un tirocinante Congresso un tempo ingegnoso iniziò a cambiare il mondo. Immediatamente fui sorpreso da quanto fosse imponente la città, con il potere che apparentemente filtrava dagli edifici neoclassici e dai discorsi di politica onnipresenti. Mi sentivo piccolo e irrilevante sotto il gigantesco Lincoln Memorial e il monumento a Washington, come una persona in piedi nell'ombra dell'élite che non poteva indurre un cambiamento. Mi chiedevo come noi, in quanto banca del cibo, saremmo mai riusciti a porre fine alla fame e fare luce sui bisogni delle nostre comunità a coloro che detengono il potere politico.

Il mio umore dubbioso cambiò radicalmente quando entrai nell'auditorium della conferenza. Oltre milleduecento sostenitori di una maggiore sicurezza alimentare e autosufficienza nella nostra nazione si sono riuniti come una sola voce coesa. La rappresentanza dalla California è stata solida, con discussioni regionali che si oppongono appassionatamente alla concessione di blocchi del Programma di assistenza nutrizionale supplementare (SNAP), requisiti di lavoro e maggiori restrizioni per l'accesso degli immigrati ai programmi di nutrizione. Il problema dei gruppi di conferenze è stato risolto non solo raggiungendo, ma fornendo anche strumenti per aiutare la nostra base di clienti e comunità diverse a potenziarsi, nonché strategie per agire e sfruttare i programmi esistenti.

Erano presenti anche potenti oratori. Charles M. Blow, editorialista del New York Times, ha parlato della sua esperienza personale come uomo di colore in America, e di come l'attuale clima politico e una storia di politiche pubbliche discriminatorie, siano direttamente collegate alla disuguaglianza sistemica e alla razza dividere prevalente oggi. Blow ha sottolineato il requisito di affrontare le cause profonde della povertà, compresi i problemi di disuguaglianza salariale, politiche abitative discriminatorie e corruzione del nostro sistema di giustizia penale, al fine di porre fine alla fame negli Stati Uniti


Non sono estraneo alla povertà e all'insicurezza alimentare, come ex destinatario di CalFresh (precedentemente noto come food stamp) quando ero uno studente laureato al Middlebury Institute of International Studies (MIIS). Come studente in California, ho faticato a pagare l'affitto di un razzo nel cielo, lavorare part-time, andare a scuola e avere soldi per acquistare cibo. Molte delle storie sul crescente fenomeno della "fame del college" descritte alla conferenza hanno risuonato con me personalmente, come qualcuno che era originario della Virginia occidentale rurale e attuale testimone della fame estrema e della povertà nella Silicon Valley. Come ex manager di una delle dispense dei partner di Second Harvest, ricordo di essere rimasto scioccato nel vedere uno dei miei ex compagni di classe MIIS, con un'istruzione di quasi $70.000, in attesa di cibo.

Senza dubbio, il relatore plenario più deludente è stato Brandon Lipps, Vice Sottosegretario ad interim, Food, Nutrition and Consumer Services; Amministratore, servizio alimentare e nutrizionale, USDA. Lipps ha incoraggiato i sostenitori della fame a esplorare il concetto di "Harvest Box", un'idea che molti considerano regressiva, inefficiente e progettata per privare la dignità di chi ha più bisogno di una mano. La convinzione tra i partecipanti alla conferenza era una "aringa rossa" o piuttosto un modo per distrarre la conversazione dalla proposta di bilancio per l'anno fiscale 2019 dell'amministrazione Trump, che propone tagli al programma, tra cui un taglio quasi 30% a SNAP, una revisione del programma e requisiti di lavoro aggiuntivi per destinatari. La voce della conferenza collettiva salì a una forte serie di fischi al piano, così come la sua evidente disconnessione dalla popolazione. Rivolgendosi alla folla più tardi, il rappresentante Jim McGovern del Massachusetts, ha osservato che il piano di Harvest Box era "l'idea più stupida che penso di aver mai sentito".

Il rappresentante Jim McGovern ha anche dichiarato: "Dobbiamo smettere di essere così gentili", un sentimento che il team CEP ha preso a Capitol Hill quando ha sostenuto i nostri rappresentanti del Congresso. Ero orgoglioso di essere tra le leader femminili così forti del Secondo Raccolto mentre discutevamo delle esigenze delle nostre comunità con lo staff del senatore Dianne Feinstein, del senatore Kamala Harris e del deputato Ro Khanna, nonché del deputato Jimmy Panetta, della deputata Zoe Lofgren e della deputata Anna Eshoo. La deputata Eshoo era quasi attratta dalle lacrime mentre descriveva il suo sostegno di lunga data a coloro che hanno fame nei distretti congressuali del 18 ° e 14 °.

Lasciando DC, gli edifici non sembravano più impenetrabili, ma piuttosto permeabili. Mi sono sentito risoluto nel capire che dietro quelle mura esistono persone non più grandi di te o di me, nonostante ciò che alcuni vorrebbero farci credere o percepire. Il vero potere esiste all'interno delle comunità che rappresentiamo e delle persone che parlano per coloro che non hanno ancora la voce. L'errore più grande, credo, è cadere nella trappola di pensare che non si è in grado di creare un cambiamento. Con il potere della comunità, nessun muro, edificio o politica può fermarci.

*** Ispirato dalle parole di Zia? Visita il nostro Hunger Action Center per scoprire come puoi essere coinvolto.

Di |2018-04-02T15: 52: 09 + 00: 002 aprile 2018|patrocinio, Legislazione|
Italian
English Spanish Vietnamese Chinese Tagalog Russian Arabic Dutch French German Italian