Second Harvest ha campionato in modo casuale 6000 famiglie che ricevono generi alimentari gratuiti presso le distribuzioni nelle contee di Santa Clara e San Mateo

SAN JOSE, California, 20 aprile 2021—Sebbene il lancio di un vaccino porti speranza e la prospettiva di una ripresa economica per molti nella Bay Area, un recente sondaggio condotto da Second Harvest of Silicon Valley ha rivelato che non sarà immediatamente cambia molto per le famiglie che sono state devastate dalla perdita del lavoro, dalla riduzione dei salari e dall'esaurimento dei pochi risparmi che avevano nell'ultimo anno.

In un campione casuale di 6.000 famiglie che hanno ricevuto generi alimentari gratuiti durante la pandemia presso le distribuzioni di Second Harvest nelle contee di Santa Clara e San Mateo, gli intervistati hanno rivelato la profondità dell'impatto che la crisi economica ha avuto sulle famiglie a basso reddito e che le implicazioni finanziarie della crisi sono tutt'altro che finito:

  • 50% degli intervistati ha indicato di aver dovuto ritardare il pagamento dell'affitto o del mutuo durante la pandemia
  • 57% degli intervistati ha riferito di aver risparmiato meno di $100 in questo momento
  • Più di 70% degli intervistati ha indicato che qualcuno nella propria famiglia ha perso il lavoro e/o ha subito una riduzione dell'orario di lavoro dall'inizio del rifugio nel marzo 2020
  • Di coloro che sono rimasti occupati, 70% sono stati identificati come lavoratori essenziali, il che significa che hanno lavorato fuori casa in servizi sanitari, servizi di ristorazione, pulizie e vendita al dettaglio per supportare l'accesso della nostra comunità ai bisogni di base

"I dati parlano di come la pandemia abbia avuto un impatto sproporzionato sui lavoratori a basso salario e del motivo per cui ci vorrà molto tempo prima che la nostra comunità si riprenda", ha affermato Leslie Bacho, CEO di Second Harvest. “Mentre le persone torneranno al lavoro e l'impatto sulla salute della pandemia sarà sotto controllo, ci saranno molte persone nella nostra comunità che affronteranno le conseguenze di un anno senza reddito costante insieme a pagamenti ritardati dell'affitto o del mutuo in scadenza, e la realtà di dover pagare altre bollette che si sono accumulate durante questo periodo. Questi sono tutti ostacoli che possono ritardare in modo significativo la solvibilità finanziaria per i lavoratori a basso reddito e a basso salario”.

La lotta per pagare l'alloggio, il cibo e le spese di emergenza non è nuova per molti lavoratori a basso salario e orari nella Silicon Valley che vivevano già di stipendio in stipendio prima che la pandemia colpisse. Anche quando l'economia era forte nel 2019, il Riserva federale ha riferito che 38% di americani non poteva coprire una spesa di emergenza $400 e ancora meno aveva tre mesi di risparmi di emergenza per coprire le spese in caso di perdita del lavoro. A livello locale, a studio lungo un anno sulla povertà nella Bay Area pubblicato nel maggio 2020 da UC Berkeley e Tipping Point Community ha rilevato che 40% dei residenti della Bay Area intervistati non hanno avuto tre mesi di risparmi e che 1 su 5 ha risparmiato meno di $400 per un'emergenza.

"Sarà estremamente difficile per le famiglie che hanno perso il lavoro o che hanno vissuto con redditi ridotti risparmiare abbastanza denaro per pagare l'affitto e le bollette scadute", ha affermato Bacho. “Poiché i budget alimentari sono flessibili, spesso sono la prima cosa da fare quando le finanze sono ristrette. Vogliamo che le persone sappiano che Second Harvest è qui per assicurarsi che non abbiano la possibilità di scegliere tra fornire cibo nutriente alle loro famiglie e altre necessità”.

Dall'inizio della pandemia, Second Harvest ha servito 500.000 persone al mese in più di 900 siti di distribuzione situati nei quartieri delle contee di Santa Clara e San Mateo, il doppio del numero di clienti che avevano bisogno di supporto prima della pandemia. Anche con l'elevato livello di necessità, la banca del cibo ha mantenuto la sua attenzione sulla fornitura di un nutriente mix di cibo che include quasi 50% prodotti freschi e 25% proteine, che ha contribuito a compensare il prezzi più alti
per la spesa durante la pandemia.

Resilienza di fronte all'incertezza

Per clienti come Andy Cuevas – un veterano, studente e padre di due figli che ha perso il lavoro durante la pandemia – ricevere generi alimentari nutrienti da Second Harvest ha aiutato ad alleviare lo stress per la sua famiglia. Ha anche fornito uno sbocco per aiutare gli altri nella comunità; Cuevas ora fa regolarmente volontariato in una distribuzione gratuita di generi alimentari Second Harvest al College of San Mateo. "La gente ha iniziato a sentire parlare di me come volontario e ha iniziato a sentirsi a proprio agio chiedendomi se qualcuno poteva venire a ricevere cibo", ha detto Cuevas. “Ho iniziato a indirizzare le famiglie alla distribuzione. Molti genitori – genitori operai, genitori a basso reddito – sono stati colpiti [dall'impatto di] COVID”.

Quando è iniziata la pandemia, metà delle persone che Second Harvest serviva non aveva mai ricevuto assistenza alimentare prima. Per molte persone, chiedere aiuto può essere estremamente difficile poiché lottano con lo stigma di aver bisogno di assistenza. “Vediamo più e più volte che le persone stanno facendo tutto il possibile per resistere. I genitori si danno da fare, cercano di trovare nuove fonti di reddito o si trasferiscono con altri membri della famiglia per mantenere i propri figli nutriti e alloggiati", ha detto Bacho. “L'economia si scontra con lo stress della pandemia. Voglio incoraggiare le persone a non tardare a ricevere aiuto se ne hanno bisogno”.

Informazioni sul secondo raccolto della Silicon Valley

Fondata nel 1974, Second Harvest of Silicon Valley è una delle più grandi banche alimentari della nazione e un leader di fiducia senza scopo di lucro nel porre fine alla fame locale. L'organizzazione distribuisce generi alimentari nutrienti attraverso una rete di oltre 300 partner nei siti drive-thru e walk-up nelle contee di Santa Clara e San Mateo. A causa del costo della vita proibitivo nella Silicon Valley e della crisi economica causata dalla pandemia di COVID-19, la fame è ai massimi storici. Second Harvest serve ora in media 500.000 persone ogni mese, ovvero il doppio di quante ne hanno raggiunte prima della pandemia. Second Harvest collega anche le persone ai programmi nutrizionali federali e ad altre risorse alimentari e sostiene politiche contro la fame a livello locale, statale e nazionale. Per saperne di più su come Second Harvest sta rispondendo all'incredibile quantità di bisogni nella Silicon Valley, visita shfb.org.

Se ti occupi di questioni relative alla fame nella Silicon Valley, possiamo fornire portavoce esperti che possono parlare del paesaggio locale. Si prega di contattare Diane Baker Hayward a dbakerhayward@shfb.org o 408-266-8866, int. 368.

Visita la nostra Newsroom