East San Jose Cultural Center Volunteers

Nel marzo del 2020, il nostro partner, la School of Arts of Culture presso il Mexican Heritage Plaza (SoAC), si stava preparando per celebrare la celebrazione annuale di César Chávez quando la pandemia ha colpito, portando i suoi piani a un brusco arresto.

Quando le restrizioni sono entrate in vigore, il centro culturale non ha più potuto ospitare i suoi vivaci eventi culturali o i vivaci programmi musicali del doposcuola per la comunità di Mayfair. Ma il personale non ha potuto stare a guardare mentre il virus colpiva la sua comunità a East San Jose.

Mentre decine di membri della comunità sono stati licenziati a causa della pandemia di COVID-19, SoAC ha trasformato il suo centro culturale in un sito di distribuzione drive-thru per offrire generi alimentari nutrienti gratuiti, in collaborazione con Second Harvest of Silicon Valley.

School of Arts of Culture Volunteer
Cultural Center Drive Thru Distribution
School of Arts of Culture at the Mexican Heritage Plaza Volunteer

Questo giugno, SoAC ha commemorato il loro sito di distribuzione drive-thru di un anno e ha celebrato i loro laboriosi volontari con tacos nel suo cortile. 

Vanessa Palafox, referente della comunità al SoAC, ha dichiarato: “Siamo grati per i nostri volontari impegnati che si sono presentati per servire – attraverso la pioggia, il sole e tempi senza precedenti. I loro sorrisi e la loro energia ci hanno aiutato a superare il caos".

Aurelia è uno dei tanti clienti che SoAC ha servito durante la pandemia. Quando Aurelia e la sua vicina Lorena si sono avvicinate alla distribuzione di cibo al SoAC, stavano spingendo i loro carrelli personali e avevano quattro bambini al seguito. Aurelia vive vicino alla Scuola di Arte e Cultura e ha deciso di ottenere cibo gratis all'inizio del 2021 quando ha saputo della distribuzione.

"Avevo bisogno di cibo", disse Aurelia. "La mia situazione finanziaria non è buona perché mio marito non lavora molto".

Il marito di Aurelia è un tuttofare. Attualmente non lavora, ma riesce a guadagnare un po' di soldi quando Lorena la assume occasionalmente come baby sitter.

“Facciamo fatica finanziariamente e ce la facciamo a malapena con il nostro affitto, ma il padrone di casa sa della nostra situazione e ci permette di effettuare pagamenti [parziali] per pagare l'affitto. Non dobbiamo preoccuparci del cibo perché veniamo qui».

Questo sito di distribuzione gratuita ha anche servito clienti come Roberto (nella foto sotto). Lunedì 21 giugno è stata la prima volta che Roberto ha ricevuto del cibo da uno dei nostri soci.

Sulla bici di Roberto c'era un rimorchio da carico dove poteva impilare tutte le scatole di cibo che riceveva per la sua famiglia di sette persone.

"Passo qui in bici ogni giorno e ogni lunedì vedo un sacco di gente in fila per il cibo e ho pensato, 'dovrei andare'", ha detto Roberto.

Roberto è un lavoratore freelance per una squadra di strada del centro di Palo Alto che si occupa di pulizia delle strade e sensibilizzazione della comunità dei senzatetto. Aiuta i disoccupati a trovare un alloggio, a ricevere cure mediche e a programmare le cure. Roberto guadagna anche un po' di soldi vendendo rosari (granelli di preghiera) fuori da diverse chiese di San Jose.

Roberto ha condiviso che si sentiva in imbarazzo al pensiero di ricevere assistenza alimentare per sé e la sua famiglia, ma ora non più.

“Non sto facendo niente di male, e ne ho bisogno. È la verità. Ho bisogno di cibo in questo momento".

Roberto’s bike was a cargo trailer where he could stack all the boxes of food he received for his seven-person household

A casa di Roberto, sua madre prepara tutto il cibo di Second Harvest e i suoi piatti preferiti sono i chile rellenos, il cocktail di gamberi e il pollo.

Le esperienze pratiche di Roberto con la sua comunità lo aiutano a vedere che tutti stanno lottando.

“Molte vite sono cambiate [durante la pandemia]. Il mio l'ha fatto. Molti hanno perso il lavoro, molti si sono separati e lo stress finanziario ha colpito tanti matrimoni. Conosco persone che ci sono passate. Ma Dio non ci abbandonerà mai. Dio è buono."

Quando le cose iniziano a riaprirsi, il Scuola di Arte e Cultura comincerà ad offriremercatinio siti in stile mercato contadino per i clienti, consentendo loro di scegliere i loro prodotti preferiti da portare a casa. 

Jessica Paz-Cedillos, direttore esecutivo di SoAC, ha dichiarato:

“Siamo incredibilmente grati per la nostra partnership con Second Harvest of Silicon Valley. Grazie al loro supporto, siamo stati in grado di nutrire oltre 35.000 membri della comunità. Attendiamo con impazienza la continua collaborazione mentre lanciamo il nostro mensilemercatinia partire da agosto».

Siamo grati ai nostri partner come la School of Arts and Culture, che si è impegnata a servire la nostra comunità in un momento in cui l'insicurezza alimentare è ai massimi storici. Partnership come questa ci ricordano quanto siamo potenti insieme.

Dare oggi

Aiuta le famiglie locali

$1 aiuta a fornire cibo sufficiente per 2 pasti. Dona oggi e aiuta le famiglie della Silicon Valley a ottenere il cibo nutriente di cui hanno bisogno.