Clicca qui per leggere la nostra risposta a COVID-19.

Incontra il nostro nuovo CEO - Leslie Bacho

//, Riflettori sul personale//Incontra il nostro nuovo CEO - Leslie Bacho

Incontra il nostro nuovo CEO - Leslie Bacho

Ci siamo seduti con Leslie Bacho, nuovo CEO di Second Harvest, per conoscere meglio il suo background, il suo stile di leadership e le sue riflessioni sul food-banking. Offre una vasta esperienza nel settore alimentare e una comprovata esperienza di successo creando soluzioni innovative per raggiungere più persone con alimenti nutrienti. Ha lavorato come direttore operativo presso la San Francisco-Marin Food Bank per 19 anni, dove ha guidato gli sforzi per più che quadruplicare la quantità di cibo fornita alla comunità. Per maggiori dettagli, controlla lei bio.

D: Raccontaci un po 'del tuo background:

Da quando ricordo che ho avuto un profondo senso di impegno, combinato con l'obbligo di restituire alla mia comunità. Allo stesso tempo, sono sempre stato spinto a gestire le cose. Penso di aver appreso il primo da mia madre, che era un assistente sociale, e il secondo da mio padre, che gestiva una piccola impresa. Ho conseguito la laurea in Duke e un MBA in Northwestern. Più tardi, ho avuto molto successo nel marketing di consumo come brand manager presso Clorox. Ma il mio cuore era sempre nel settore no profit.

Ho lavorato per diverse organizzazioni senza scopo di lucro, ma ho trovato che lavorare per una banca del cibo fosse perfetto.

Combina la capacità di avere un impatto incredibile nella comunità con la sfida unica di portare più cibo alle persone bisognose. Ho dedicato gli ultimi 19 anni alla ricerca di modi per porre fine alla fame a San Francisco e Marin. Ora non vedo l'ora di portare le mie abilità nella Silicon Valley.

D: Cosa ti ha ispirato di più nella tua carriera di food banking?

Ciò che trovo così stimolante è quando incontro qualcuno che è un volontario e che era un cliente; la cui vita è davvero cambiata grazie alla banca del cibo. Ora fanno volontariato in una dispensa. C'è un forte senso di comunità. La banca del cibo offre alle persone che stanno lottando l'opportunità di rimettersi in piedi. Quando visito un sito di distribuzione, non ho la sensazione che le persone si sentano giù e fuori. Invece, ho la sensazione che le persone facciano ottimi collegamenti, con così tanta energia positiva attorno alla condivisione di cibi freschi e nutrienti. Sembra molto ottimista e c'è un forte senso di speranza.

D: Quali sono alcuni dei cambiamenti che hai visto nel panorama della fame negli ultimi 19 anni?

Qualcosa che è stato davvero drammatico è l'aumento di prodotti freschi e nutrienti. In California, siamo stati leader nel cambiare il mix di prodotti per includere cibi più sani. C'è stato un vero cambiamento di mentalità in termini non solo di fornire calorie, ma anche di fornire cibo nutriente. Inoltre, l'attenzione per l'educazione alimentare - aiutare i clienti a preparare ricette semplici con i meravigliosi prodotti freschi che forniamo.

Dal punto di vista della fame, la crescente disparità di reddito ha anche creato cambiamenti drammatici, presso la banca del cibo in cui ero e qui alla Seconda Vendemmia. Quando la recessione colpì, improvvisamente servivamo persone che non avevano mai avuto bisogno di aiuto prima. Da quel momento, sebbene l'economia sia migliorata per molti, mettere il cibo in tavola rimane una sfida per le persone che serviamo. Stiamo continuando a vedere più bisogno nella comunità come il costo della vita alle stelle.

D: Perché il food-banking è così importante per te?

Quello che amo del food-banking è che tocca così tante persone. Non solo tocchiamo le persone attraverso i nostri programmi, ma collaboriamo anche con centinaia di agenzie e migliaia di volontari e donatori. In un mondo con molte cattive notizie, offre la possibilità di lavorare insieme per fare qualcosa di veramente buono. Il food-banking ha il potere di riunire le persone per avere un impatto tremendo su un problema critico.

Credo che l'insicurezza alimentare sia un problema che possiamo e dobbiamo risolvere. Il cibo è un elemento fondamentale per tutti noi di imparare, crescere e invecchiare sul posto ed essere davvero in grado di prosperare. La sfida è che il bisogno è così grande e devi sempre pensare a come possiamo avere il maggiore impatto con le nostre risorse limitate. Devi essere disciplinato intorno a questo. Allo stesso tempo, devi lasciare spazio all'innovazione e alla capacità di pilotare nuovi programmi: la prossima grande cosa che ci aiuterà a espandere i servizi.

Il potere del food-banking è la nostra capacità di ridimensionare e influenzare la comunità. Possiamo avere un impatto immensamente positivo nell'affrontare la fame. Ma dobbiamo essere intelligenti. Dobbiamo sempre pensare a dove possiamo svolgere un ruolo per avere il maggiore impatto date le nostre risorse, le connessioni nella comunità e l'accesso a cibi sani.

D: Potresti parlare del tuo più grande successo nel settore alimentare?

Condurre i nostri programmi e operazioni per espandere in modo significativo la rete dispensa di San Francisco-Marin è uno dei miei più grandi successi. La rete della dispensa ora serve 30.000 famiglie ogni settimana attraverso 250 distribuzioni di generi alimentari sul mercato. Questo sta avendo un impatto tremendo e sono orgoglioso di ciò che siamo riusciti a realizzare. Abbiamo riconosciuto presto che la povertà esisteva in tutta la comunità, anche nei quartieri dove non ti aspetteresti di trovarla. Siamo andati quartiere per quartiere per determinare la necessità e vedere come potremmo soddisfarla. Abbiamo lavorato con chiese, scuole, centri comunitari e altri gruppi che avrebbero collaborato con noi e abbiamo sviluppato una solida rete impegnata a porre fine alla fame. Sono anche orgoglioso del mio lavoro con la fusione Marin. Siamo stati in grado di andare in quella contea e triplicare la quantità di cibo fornito alla comunità.

D: Quali principi e valori ti guidano?

Credo che tutti abbiamo la responsabilità di aiutarci a vicenda, di usare i talenti e le risorse che abbiamo per rafforzare le nostre comunità. Credo nel trattarsi reciprocamente con rispetto e dignità e che i nostri servizi dovrebbero riflettere questo. Apprezzo anche un servizio clienti eccellente, con i nostri clienti, i nostri partner e i nostri donatori. E ho un forte senso di amministrazione. Dobbiamo sempre essere consapevoli della nostra responsabilità di essere buoni amministratori delle risorse a noi affidate. Sono anche molto devoto alla famiglia e ho un forte impegno per l'equilibrio. È importante lavorare sodo, ma dobbiamo anche trovare il tempo per le nostre vite al di fuori del lavoro.

D: Raccontaci un po 'di più della tua famiglia personale, dei tuoi interessi e dei tuoi hobby?

Sono sposato con due figli: una figlia di 13 anni e un figlio di 15 anni. Tutti amiamo la vita all'aria aperta. Nel nostro tempo libero, ci piace fare escursioni, zaino e campo. Sono anche un avido lettore. Mio marito ed io eravamo grandi scalatori. Ora la maggior parte dei fine settimana viene trascorsa in occasione di eventi sportivi o spettacoli teatrali per i nostri bambini. Sono davvero impegnato con la famiglia. Di recente abbiamo ampliato la nostra famiglia localmente trasferendo mia madre qui.

Q: Cosa diresti è il tuo stile di leadership?

Il mio stile di leadership è quello di stabilire una visione e obiettivi chiari, quindi assicurarmi che le persone dispongano delle risorse e del supporto di cui hanno bisogno per raggiungere quegli obiettivi e fare il loro meglio. Voglio che le persone si sentano autorizzate a prendere le decisioni che devono prendere. Penso che sia importante garantire che tutti comprendano come il loro ruolo si collega alla nostra visione e ai nostri obiettivi. È anche essenziale avere una buona comunicazione in modi che consentano alle persone di rimanere al passo con ciò che sta accadendo all'interno dell'organizzazione. In termini di stile personale, sono una persona molto schietta e mi piace ridere molto. Abbiamo tutti un duro lavoro di cui siamo appassionati, quindi è importante prendersi del tempo per ridere insieme.

D: Quali sono le sfide e le opportunità più importanti oggi?

Una delle maggiori sfide è il costo vertiginoso della vita nella Silicon Valley. Continueremo a vedere un aumento della necessità di servizi perché le famiglie semplicemente non possono permettersi di mettere cibo sul tavolo. Stiamo anche scoprendo che le persone che hanno bisogno dei nostri servizi stanno diventando più difficili da raggiungere. C'è anche paura nella comunità, in particolare tra le popolazioni di immigrati che serviamo. Inoltre, alcuni dei programmi nutrizionali finanziati a livello federale da cui dipendono molte famiglie locali potrebbero dover affrontare tagli di bilancio. Tutto ciò crea sfide, ma offre anche l'opportunità di sensibilizzare sulla questione critica della fame nella nostra comunità e generare più supporto.

D: Cosa speri di realizzare a Second Harvest?

Per prima cosa ascolterò e imparerò molto in modo da poter comprendere le sfide e i successi attuali: ciò che tutti pensano stiano andando bene e su cosa dobbiamo lavorare. Second Harvest è guidato da un ambizioso piano strategico, quindi cercherò modi per raggiungere il nostro obiettivo di servire più persone nei prossimi anni. Sappiamo che non stiamo servendo tutti coloro che hanno bisogno del nostro aiuto, quindi dal punto di vista del marketing, dobbiamo anche capire come garantire che i nostri messaggi siano in risonanza con le persone che dobbiamo raggiungere. Spero di lavorare con il team per sfruttare tutto il successo che l'organizzazione ha avuto e portarlo al livello successivo.

Voglio anche concentrarmi sulla difesa. La fame non è un problema che può essere risolto solo fornendo più cibo. Dobbiamo rafforzare i programmi di reti di sicurezza come CalFresh (buoni pasto). Le banche alimentari hanno tanta credibilità nelle nostre comunità locali e possono essere voci forti per il cambiamento. Dobbiamo considerare la difesa come un modo per portare più risorse che possono avere il maggiore impatto sul miglioramento della vita delle persone che serviamo.

Di |2017-10-03T09: 55: 07 + 00: 003 ottobre 2017|comando, Riflettori sul personale|
Italian
English Spanish Vietnamese Chinese Tagalog Russian Arabic Dutch French German Italian